I GIORNALISTI SCRIVONO DI ME

L’amica Serena mi ha chiesto delle mie attività e del sito web di saperiattivi da poco avviato.

Sono lieto di pubblicare l’intervista.

 

Eccola :

“È già attivo il nuovo portale www.saperiattivi.it.
L’idea del portale è nata dal cittadino castellano Roberto Francalanci.
Francalanci, diplomato in Ragioneria, ha lavorato nell’azienda castellana “La Falegnami” fino al 2015 ricoprendo vari ruoli in vari settori dall’amministrazione ai ruoli tecnici. Nel 2015 Francalanci si è licenziato dall’azienda e ha chiuso definitivamente ogni rapporto lavorativo dipendente. Successivamente non si è fermato, ma, dopo il licenziamento, ha seguito corsi di formazione in vari ambiti.
“Ho riflettuto – racconta Francalanci – sul bisogno della formazione che occorre trasmettere alla società.
Mi è capitato – continua – di incontrare persone che, pur non essendo in possesso di elevati titoli di studio, avevano una grande preparazione in vari ambiti.”
“Ecco perché ho deciso di seguire corsi di formazione: perché volevo fare altro nella vita, qualcosa che arricchisse me come cultura e come persona, e ho creato così il portale saperi attivi.”
Roberto ha seguito anche corsi di orto sinergico, scrittura creativa e ha continuato ad arricchire il suo bagaglio e le sue conoscenze, fino a quando nel 2016 decide di creare con l’aiuto di un suo amico il portale sapere attivi, un portale che ha la caratteristica di mettere in contatto i docenti dei corsi con gli utenti che vogliono formarsi e seguire un percorso formativo.
Gli utenti incontrano direttamente i docenti in modo da relazionarsi e condividere le loro esperienze, conoscenze e professionalità.
“Sono soddisfatto – spiega Francalanci – di aver creato questo portale, sia perché è un contributo per le persone che vogliono arricchire le loro conoscenze, sia perché i professionisti in vari settori possono condividere e trasmettere i loro saperi ad altri.”
“Mi sono accorto in questi anni – spiega ancora – che la formazione è l’anello mancante nelle aziende che invece dovrebbero fare formazione, ma comportando la formazione un costo elevato rinunciano a metterla in atto.”
“Il nascente portale – racconta Francalanci – è ancora da organizzare meglio perché devo ancora terminare di contattare i docenti”.
“Inizialmente i docenti saranno le persone che mi hanno aiutato nella creazione del portale, sarà attivato il corso in web designer, scrittura creativa e scrittura su web, successivamente sul portale ci saranno altri docenti disponibili a insegnare altre materie.”

 

Questa intervista è stata effettuata quando non avevo offerta formativa diversificata, il sito ora sta crescendo, mi aiutano i docenti, comincio ad avere un pubblico che mi segue sui social, sono contento di tutto questo, anche se non basta.
Come quando vai a un evento di beneficenza ti commuovi nel vedere volontari attivi, magari si danno da fare per realizzare spettacoli teatrali, o una fiera di beneficenza, e tu? Che cosa fai? Magari non lasci nemmeno un’offerta. Ma pensi che il prossimo anno ritroverai la stessa festa? Ti sei chiesto come andrà se finiscono anche i soldi per finanziare quel bellissimo volontariato?
Ti dispiace, ok, e allora potresti allungargli cinque euro, per loro magari sarebbero un tesoro e insieme a quelli di altri come te, potrebbero rappresentare la differenza tra chiudere o sopravvivere. Sì, perché spesso si parla di pura sopravvivenza, anche se nessuno lo ammette.
Ora ti faccio qualche domanda, se me lo concedi.
Che cosa stai facendo?  Stai lavorando?  Sei disoccupato? Sei in mobilità come me?
Sei interessato a qualcosa davvero?

Se la mia offerta formativa non ti soddisfa, se vuoi informazioni, non esitare a chiedere, quindi fai domande, quelle domande che aiutano a crescere, perché possiamo sempre crescere se lo vogliamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *