PROFILO

PROFILO

La parola mi ricorda l’ombra, quello che rimane di un essere animale o vegetale.
Le ombre incidono più delle persone. Occorre farsi delle domande.
Il riferimento è ai social e all’importanza dei profili. Cogito ergo sum.
Ecco che profili di persone finora sconosciute con messaggi video o immagini virali suscitano curiosità.
Non c’è più un denominatore comune, non li caratterizza la qualità, tutti hanno deciso di essere e quindi non pensano, ma cliccano.
E allora se il clic l’hanno fatto milioni di persone, vuoi essere anche tu a farlo.
Lo fai.
Entri nel tritacarne di valori, di qualità, di etica. Sei morto.
Mi percorre una sorta di inquietudine mista a rassegnazione.
Osservo il mio profilo.
Circa due anni fa decisi di mettere una mano che semina e sullo sfondo dei semini che volano a terra.
Mi sentivo quello.
Come ad Archimede dei fumetti gli si accendeva la lampadina ecco che quei semi sparsi hanno rappresentato l’idea, una via di uscita.
E facebook mi chiede di aggiornare il profilo. Perché ?
Ancora non mi sono venuto a noia così, più avanti si vedrà. Solo una riflessione,
ma di quelle che vengono ogni tanto, per fortuna, se no si annoia i lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *