AYMARÀ – riflessioni

AYMARÀ – riflessioni

Aymarà è il nome di una lingua di quasi 4.000 anni fa e governata da una sintassi filo-informatica; parlata da quasi due milioni e mezzo di abitanti in un’area compresa tra Bolivia, Perù e Cile.
Oltre trenta anni fa un matematico boliviano, Ivan Guzman de Rojas, fece progredire notevolmente la tecnica del software degli elaboratori elettronici, dimostrando che la lingua aymarà poteva essere adoperata per tradurre simultaneamente l’inglese in diverse altre lingue.
Atamiri di Guzman è considerato uno dei più veloci sistemi di traduzione al mondo (atamiri significa interprete)
Mi ha spinto scrivere il post ascoltare questa parola menzionata in un un discorso di José Mujica, e mi ha richiamato alla memoria anche un libro letto tempo fa : “L’origine perduta”, il romanzo di Matilde Asensi che combina la storia, l’archeologia, la matematica e alcuni richiami alla mitologia antica.
La citazione del presidente Uruguayano è la seguente :
– il povero non è colui che tiene poco, ma colui che necessita tanto e desidera ancora di più –
Era il 2010, sono passati cinque anni e l’Uruguay come ogni altro paese è cambiato.
Un ex-combattente tupamaro alla guida di un paese di poco più di tre milioni di abitanti, ha dato l’esempio, è stato seguito, il popolo ha creduto in lui.
Aveva dalla sua l’intento di apportare felicità al suo popolo, in cinque anni ha cercato di coniugare un moderato sviluppo e le esigenze dei cittadini.
Qualcuno potrà obiettare che certe scelte sono state errate.
Non si può accontentare tutti.
Per il libro della Asensi invece l’ho letto molti anni fa, è stata una scoperta piacevole, poi li ho letti tutti della stessa autrice.
“L’origine perduta” forse non è il migliore, ma eccezionale per la dovizia di particolari relativi alla lingua Aymarà (capacità di riprogrammare la mente umana con le parole …ma sarà solo un romanzo ! ? )
Per un curioso come me è risultato un must.
Se siete interessati potete trovare ottime recensioni in rete, son sicuro che la riscriverei quasi uguale !

0 thoughts on “AYMARÀ – riflessioni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *