MEZZE CARTUCCE

MEZZE CARTUCCE

Più lo gonfiava e più si rendeva conto che non otteneva nulla.
A scuola aveva imparato la matematica e la regola delle proporzioni :
– direttamente proporzionale ; quando due grandezze sono legate da una relazione di
proporzionalità l’una aumenta all’aumentare dell’altra. –
L’aumento della circonferenza del torace non faceva aumentare l’altezza, e si era arreso all’evidenza.
Si era abituato all’idea di essere più piccolo dei suoi amici, non ci poteva fare nulla.
Il torace non era una misura fondamentale per essere abili al servizio di leva, lo era invece
l’altezza.
Ignazio era terrorizzato da quella visita, la cartolina era già arrivata…
Avrebbe fatto a meno di effettuare il servizio di leva, alle terre di famiglia un braccio in più voleva dire molto. Nel periodo tra le due guerre lo Stato aveva bisogno di militari, non si potevano permettere di rimandare a casa quelli che si erano presentati alla visita se non in casi veramente gravi, i medici preposti erano stati istruiti bene.
E infine il giorno fatidico arrivò. La visita prevedeva vari controlli, Ignazio aspettava a gloria quello dell’altezza.
Il medico di turno provvedeva a segnare con esattezza scrupolosa i dati emersi dalla visita.
Quando arrivò a segnare la misura dell’altezza ebbe un po’ di esitazione nello scrivere, ma alla fine scrisse.
Ignazio alto 150,5 e con 150 sarebbe stato scartato.
A voce alta il medico comunicò : 151 ABILE ARRUOLATO !
Nell’esercito non ci sono mezze cartucce , non servono in guerra.

 

MEZZE CARTUCCE

 

questo racconto è stato pubblicato nel libro  Oichebelcastello racconti

di Roberto Francalanci

potete acquistare il libro in formato digitale o cartaceo su Amazon

0 thoughts on “MEZZE CARTUCCE”

    1. grazie Luca, ho solo accettato una sfida con me stesso, dovevo scrivere quel che mi veniva a mente pensando alla parola “torace” ; complice il girellare nei blogs, dove “scrivere creativo” propone dei test interessanti, per il resto sono ancora molto “grezzo” nella struttura del blog, ad es. solo ora sto imparando ad inserire i tags…., ma piano piano….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *